Torta al cioccolato zuccherata con la frutta

Torta al cioccolato sugar free

Torta al cioccolato sugar free

Una torta al cioccolato fondente 99% può essere una  follia? Forse, ma gli esperimenti in cucina sono sempre un po’ bizzarri. Così, ecco il risultato, dopo qualche ora.

Infatti, per preparare questa torta occorre un po’ di tempo, perchè anche la farcitura richiede il suo tempo. Innanzitutto è meglio preparala prima. E’ una mousse che sembra un po’ una marmellata e si potrebbe gustare anche da sola, perchè è molto deliziosa, oltre che molto semplice da preparare. E’ probabile che si possa fare anche con molti altri tipi di frutta. La prossima sarà alle prugne scure e zenzero. Chissà quale sarà il risultato? Questa, invece, si prepara con 2 pere piuttosto grandi, 1 mezza mela, semi di chia e acqua.

Preparazione della mousse: lavare, sbucciare (se non è frutta bio) e tagliare a pezzettini le pere e la mezza mela. Porre la frutta in una pentola bassa e aggiungere 2 cucchiaini di semi di chia (rendono il composto un po’ gelatinoso) e un mezzo bicchiere di acqua. Cuocere a fuoco medio-basso per circa 30 minuti. Far intiepidire, frullare e aggiungere 1 cucchiaio di vino bianco. Quindi, riporre in frigorifero.

Preparazione dell’impasto: Tagliare a fette sottili 1 mela e passarle al forno per circa 30 minuti a 240° sulla piastra rivestita con carta forno, rigirandole dopo un quarto d’ora. Una volta pronte verranno tritate finemente e serviranno al posto dello zucchero nell’impasto.

Nel frattempo sciogliere con 4 cucchiai d’acqua circa 30 gr di cioccolato fondente al 99% a bagnomaria.  Con una frusta sbattere 2 tuorli. Aggiungere 4/5  gocce di olio essenziale di vaniglia (servono a rendere meno amaro il gusto del cioccolato) e unirvi il cioccolato appena sciolto e lasciato raffreddare.

torta

Risultato finale della torta al cioccolato

Montare i due albumi a neve. Unire la mela tritata e incorporare la metà degli albumi al cioccolato e ai tuorli.

L’altra metà degli albumi va aggiunta alla farina composta da 150 gr di farina di mandorle non pelate tritate fini e 150 gr di farina di grano saraceno + 1 pizzico di sale. Dopo aver mescolato delicatamente aggiungere alla farina e agli albumi l’altra parte (albumi montati a neve con la mela tritata, tuorli e cioccolato).  Quindi, incorporare poco alla volta dell’acqua, circa 1 terzo di bicchiere, per rendere l’impasto cremoso, ma solido.

Versarlo in una teglia ø 16 cm foderata con carta da forno bagnata e strizzata. Cuocere in forno su una griglia  a 240° per 30 minuti, poi abbassare a 200° e continuare la cottura per altri 15 minuti. Far intiepidire nel forno e porre la torta con il foglio di carta forno su un  piatto o un piano.

Tagliarla a metà, ricavando 2 dischi della stessa altezza e farcire con la mousse di pere. Ricoprire con la l’altra metà della torta e spennellare superficie e lati con la restante mousse.

E infine: sciogliere in un pentolino a bagnomaria il restante cioccolato con dell’acqua (circa 1/3 di bicchiere). Far raffreddare e versarlo direttamente dal pentolino sulla torta, iniziando dai lati verso il centro.

Far raffreddare in frigorifero, quindi togliere delicatamente il foglio di carta forno e porre la torta su un piatto.

Ricapitolando, questi sono gli ingredienti necessari: 150 gr di mandorle tritate fini – 150 gr di farina di grano saraceno – 1 pizzico di sale – 4 uova – 50 gr di cioccolato fondente 99% – olio essenziale di vaniglia per uso alimentare – 2 pere grandi – 1 mela e mezza grandi – 1 cucchiaio di vino bianco – 2 cucchiaini di semi di chia – acqua.

Si conserva in frigorifero e si gusta al meglio dopo qualche ora. Per la cottura, si intende nel forno a gas.

Torta di ricotta, pere e mele (con farina di grano saraceno)

Torta di mele, pere e ricotta

Torta di mele, pere e ricotta

Chi si è cimentato, ha potuto constatare quanto non sia facile lavorare la farina di grano saraceno senza aggiungerla ad altre farine. Per mantenere quanto più possibile intatto il sapore originale si dovrebbe riuscire a lavorarla così com’è. Esperimento dopo esperimento si può riuscire a prendere dimestichezza ed ottenere risultati accettabili, a volte ottimi. Dipende dai gusti e dalle intuizioni personali. Appartenente alle torte “rustiche”, questa ricetta unisce pere e mele che diventano particolarmente dolci in superficie, in quanto passate al forno.

Premessa: preparare le fettine di mela e pera per la guarnizione, come prima fase

Ingredienti: 100 gr farina di grano saraceno – 200 gr ricotta fresca, magra – 2 pere medie – 2 mele golden – 40 gr noci spezzettate (circa 10 noci) – 2 uova – 1 limone non trattato – 1/2 panetto lievito di birra (12 gr) – sale – cacao amaro (1 cucchiaio abbondante) – cannella in polvere – noce moscata – fettine di pera e mela passate al forno

Preparazione delle fettine di pera e mela:

Tagliare a metà una pera e una mela, lavate e non sbucciate. Tagliare qualche fettina molto sottile e porle sulla piastra del forno ricoperta con l’apposita carta. Cuocere a 140° (forno a gas già caldo) per 50 minuti, rigirandole dopo 25 minuti. Fare raffreddare e mettere da parte.

Preparazione della torta:

1 – Grattugiare la scorza del limone o tritarla finemente e mettere da parte

2 – Spremere mezzo limone. Ridurre a dadini le pere. Farle macerare nel succo di limone, aggiungendo una spolverata di cannella e noce moscata. Riporre in frigo.

3 – In una terrina lavorare con il mixer  la ricotta insieme ad 1 mela grattugiata e 2 uova intere. Aggiungere la scorza del limone e mescolare bene.

4 – In una terrina più grande, versare la farina di grano saraceno, un pizzico di sale e il cacao. Mescolare bene. Per ultimo, aggiungere il lievito spezzettato.

5 – Incorporare alla farina le pere a dadini e le noci. Mescolare e aggiungere, poco alla volta, acqua tiepida (circa 1 bicchiere). Infine, dolcificare con un’altra mela grattugiata.

6 – Unire nella stessa terrina dove è stata versata la farina, la ricotta lavorata con le uova. Mescolare bene. Dovrà risultare un impasto omogeneo, morbido e non troppo solido. Se la consistenza è troppo compatta, aggiungere poco alla volta altra acqua tiepida.

7 – Foderare una teglia diam. 22 cm, alta 6 cm con carta da forno bagnata e strizzata. Versare l’impasto e cuocere a 200° per 40 minuti, proseguendo la cottura a 240° per altri 25 minuti (forno a gas già caldo). Fare la prova dello stecchino per assicurarsi che all’interno sia cotta.  La teglia non va messa a contatto diretto con la piastra del forno.

Lasciare intiepidire. Porre la torta su un piatto, mantenendola sul foglio di carta da forno che verrà sfilato delicatamente, aiutandosi con una spatola.  Guarnire a piacere con le fettine di pera e mela. Far raffreddare bene prima di tagliarla a fette.

Con queste dosi si ottengono 6 – 7 fette piuttosto alte, molto consistenti, nutrienti e dal sapore particolare.

BISCOTTONI DI MANDORLE A COLAZIONE

Biscottoni alle mandorle

Biscottoni alle mandorle

Mentre fuori nebbia, freddo e smog la fanno da padroni incontrastati, che cosa c’è di meglio se non iniziare la giornata con il profumo di qualcosa di gradevole che cuoce nel forno?

Ecco un esempio semplice che non prevede lo zucchero, tanto è nutriente lo stesso, ma chi vuole può aggiungerlo.

Ingredienti:

100 gr di mandorle non pelate

30 gr di cocco grattugiato

2 uova intere

un pizzico di sale

50 gr latte di soia

Preparazione:

Preriscaldare il forno a 240° . Tritare finemente le mandorle nel mixer, aggiungere il cocco e il latte di soia,  tritare ancora per qualche minuto. Versare l’impasto in una terrina, aggiungere un pizzico di sale e le uova intere. Mescolare bene.

Biscottoni a colazione

Biscottoni a colazione

Sulla piastra rivestita con carta forno leggermente unta con olio di oliva, versare l’impasto con un cucchiaio, meglio se grande, e creare 9/10 mucchietti. Decorare con qualche mandorla. Fare cuocere per 15 minuti a 240° (forno a gas) e poi abbassare la temperatura a 180°. Far cuocere per altri 15 minuti, finchè i biscotti risultino dorati.

Si conservano in un contenitore ermetico e sono ancora più gustosi il giorno dopo. Quindi, si possono preparare la sera prima per la colazione del mattino, accompagnandoli per es. con orzo e cannella.