Torta di mele all’aroma di limone

Torta di mele all’aroma di limone

Un’altra ricetta molto semplice, essenziale e priva di zuccheri aggiunti, dal deciso aroma di limone, rigorosamente non trattato in superficie per poterne utilizzare la scorza e l’intensità della fragranza.

Mele annurca

L’aggiunta di semi d’anice dà una nota in più, accompagnata dalla farina di mandorle. Inoltre, sono state utilizzate delle piccole, ma profumatissime mele annurca, tipiche della stagione e coltivate in Campania. Non ci si lasci ingannare dalle ridotte dimensioni di questo tipo di mela, dalle origine antichissime e considerata a buon diritto “la regina delle mele” per l’intensità e la particolarità del sapore che varia da leggermente acidulo a delicatamente dolce.

Ingredienti: 4 mele annurca (350 gr circa di frutti interi) – 130 gr farina di grano saraceno – 130 gr farina di farro – 30 gr circa di farina di mandorle – 2 limoni bio – semi d’anice  (qui,  mezzo cucchiaio) – un pizzico di sale – olio di semi  (di girasole).

Preparazione: mischiare la farina di grano saraceno con quella di farro. Aggiungere la scorza dei due limoni grattugiata finemente, i semi d’anice, il sale e 5 cucchiai di olio di semi.

Aggiungere acqua tiepida poco alla volta mentre si lavora energicamente l’impasto con un cucchiaio fino ad ottenere una consistenza cremosa, ma piuttosto solida.

Privare le mele della buccia e del torsolo con l’apposito attrezzo. Tagliarle a fettine rotonde, molto sottili e disporne una parte sulla base di una teglia ø 22cm foderata con carta forno leggermente unta con olio di semi.

Versare un primo strato dell’impasto sulle mele e proseguire, alternando gli strati, ultimando con le mele.

Spolverizzare la superficie con abbondante farina di mandorle.

Cuocere regolandosi in base al proprio forno (qui, a 240° per 30 minuti e a 200° per altri 30 minuti).

Fare intiepidire e rovesciare la torta su un piatto. A scelta, lasciare in alto la base o viceversa.

Apple pie with lemon flavor

This recipe is very easy, essential and sugar free, but above all it is featured by the delicious lemon flavor. Of course, organic lemons are necessary due to their untreatened zest and fragrance intensity.

Extra unique notes are added by anise seeds and almond flour. Last but not least, annurca apples are among the main ingredients. The very small, fragant annurca apples, which are typical from Campania,  are much appreciated for their special taste, varying from slightly sour to delicately sweet.

The small size of this fruit mustn’t mislead in relation to its importance. In fact, it’s considered “the queen of apples” and its origin is very ancient, dating back to the time of the Romans.

Ingredients: 4 annurca apples (350 grams of whole fruits) – 130 gr buckwheat flour – 130 gr spelt flour – 30 grams of almond flour – 2 organic lemons – half a spoon of anise seeds – a pinch of salt – seed oil (sunflower).

Preparation: mix the buckwheat flour with the spelt flour. Add the finely grated zest of both lemons, the anise seeds, the salt and 5 tablespoons of seed oil. Add water little by little while working the dough with a spoon until you get a creamy, but rather solid consistency.

Remove the apples of the skin and the core with an apple corer. Cut them into thin, round slices and arrange a part of them on the base of a baking pan ø 22 cm, lined with oven paper slightly greased with seed oil.

Pour a first layer of the dough on the apples and continue, alternating layers and finishing with apples. Sprinkle the surface with plenty of almond flour.

Cook according to your oven (in the gas oven at 240 ° for 30 minutes and at 200 ° for further 30 minutes). Let the cake cool and overturn it on a plate.

Optionally, leave the base on the top or vice versa.

 

Torta di mele con farina di amaranto

Torta di mele con farina di amaranto

Un sapore davvero particolare contraddistingue questa torta di mele senza uova, burro né lievito. Beh, sì, anche senza zucchero, se non fosse per una leggera spolverata in superficie con poca stevia…

Ingredienti per la base:

300 gr circa di farina di amaranto bio – un pizzico di sale – 5 / 6 cucchiai di olio di semi (di girasole) – 1 bicchiere di acqua tiepida.

Ingredienti per il ripieno: 400 gr circa di mele tagliate a dadini (peso finale) – 1 cucchiaino scarso di semi di anice – 1 cucchiaino scarso di cannella.

Preparazione:

Impastare la farina, a cui è stato aggiunto il sale e l’olio di semi, incorporando poco alla volta l’acqua e lavorare l’impasto fino ad ottenere un panetto solido e compatto. Avvolgere nella carta trasparente, antiaderente e riporre in frigo per 30 minuti. Nel frattempo lavare, sbucciare e tagliare le mele a cubetti piccoli. Aggiungervi i semi di anice e la cannella.

 

Stendere la pasta tra due fogli di carta da forno leggermente unti con olio di semi e creare 2 dischi, uno più grande dell’altro che servirà da base.

Porre la base, insieme al foglio di carta da forno, nella teglia.

Ricoprire con le mele e il rimanente impasto. Richiudere i bordi, punzecchiare la superficie con una forchetta e cuocere nel forno preriscaldato a 200° per circa 60 minuti o regolarsi in base al proprio forno.

Se non si è utilizzato lo zucchero nella ricetta, si può spolverizzare con poca stevia, tenendo conto del sapore già zuccheroso delle mele.

L’amaranto in versione farina perde molto della sua caratteristica “sabbiosa”, ma richiede una maggiore attenzione nella fase dell’impasto rispetto ad altre farine. Inoltre, durante la cottura sembra trattenere molto l’umidità (eventualmente,  rimediare utilizzando della carta assorbente per la casa a fine cottura). Si tratta comunque di un inconveniente che non si presenta nella versione strudel.

Per una cottura ottimale, è consigliabile mantenere uno strato sottile di pasta.