Scena galante di Giuseppe Bonito

Scena galante, di Giuseppe Bonito (metà 1700 circa)

Giuseppe Bonito, pittore napoletano nato nel 1707 e vissuto fino a 82 anni, riproduce in questo delicato dipinto dettagli particolareggiati di tutto rispetto.

Giuseppe Bonito (Castellammare di Stabia 1707 – Napoli 1789)

Nei suoi ritratti, le persone sembrano diventare reali, oltrepassando la pura rappresentazione.

Personaggi del popolo, figure comuni che si incontrano dove si abita, oltre ad esponenti di corte, si arricchiscono di tratti psicologici sullo sfondo di suggestive atmosfere sentimentali.

Che piacciano o meno, le sue opere spiccano per la riproduzione di situazioni familiari, popolari o dall’immediato impatto comunicativo.

Ragazze che giocano con un gatto, di G.Bonito

Un esempio è dato da questo quadro, intitolato “Ragazze che giocano con un gatto”, mostrando dettagli che osservati da un punto di vista moderno risultano davvero curiosi.

Ritratto di dama in abito rosa, di G. Bonito

Ritratto di dama in abito rosa da casa, di G. Bonito

Molte delle opere di G. Bonito sono finite nelle collezioni private e oggetto di transazioni da parte delle case d’aste, spesso straniere, come questo “Ritratto di dama in abito rosa da casa”.

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: