Pane fatto in casa, con farina di farro e di grano saraceno

Pane casalingo con farina di farro e di grano saraceno

A volte capita che, a seguito di un invito a pranzo o alla richiesta di un gradito regalo fuori dal comune, si sente trapelare l’esigenza, più o meno velata, di qualcosa di diverso; un pane fatto in casa, perché no?

E allora, mentre le temperature fuori scendono allo zero termico o anche al di sotto, tra le pareti domestiche aleggiano i caldi effluvi del forno che va e del pane che sta cuocendo.

In questa versione, il pane fatto in casa è così composto e preparato:

  • 250 gr  circa di farina di farro bio, macinata a pietra
  • 250 gr  circa di farina di grano saraceno
  • 1 panetto di lievito (12 gr)
  • sale q,b. e a seconda dei gusti (qui, ne è stato utilizzato un mezzo cucchiaio)
  • acqua tiepida

In un recipiente capiente mischiare bene le due farine, aggiungere il sale e, infine, il lievito sbriciolato (tenuto precedentemente a temperatura ambiente).

Versare l’acqua tiepida, poca alla volta, mescolando il composto, fino ad ottenere una consistenza morbida, ma compatta.

Foderare uno stampo per plum cake lungh. cm 30 e versare l’impasto.

Avvolgere bene con un canovaccio, porre vicino a una fonte di calore e lasciarlo lievitare 20 minuti, rigirandolo su un lato ogni 10 minuti.

Infornare a 180° in forno (a gas) già caldo per 1 ora.

Far intiepidire e tagliare a fette con un coltello a lama lunga.

Si conserva per qualche giorno, avvolto nella carta e riposto in un contenitore ermetico, a temperatura ambiente.

Annunci

Torta con farina di pistacchi e nocciole

 

Torta con farina di pistacchi e nocciole

Di esperimento in esperimento, eccoci arrivati alla farina di pistacchi… di Bronte naturalmente, tanto per valorizzare le nostre eccellenze italiane.

Da un  po’ frullava nell’aria l’idea di una torta così e finalmente eccola concretizzata. Dal risultato, tutto sommato, soddisfacente a dimostrazione che anche senza i classici ingredienti tipo farine ultra raffinate, lieviti, uova, burro ecc. si può ottenere un gradevole impasto morbido, con l’aggiunta di un interessante contrasto tra i morbidissimi pezzetti di pera e l’effetto “ granulare” delle nocciole tritate.

Ingredienti:

100 gr di farina di pistacchi

100 gr di farina di mandorle o mandorle pelate, tritate fini

50 gr. di farina integrale di farro

250 circa di pere dolci a pezzetti molto piccoli

100 gr circa di nocciole pelate

100 gr. di cioccolato fondente (qui è stato utilizzato al 90%)

1 cucchiaino di sale

Preparazione:

Sbucciare le pere, privarle del torsolo e ridurle a pezzetti molto piccoli.

Tritare grossolanamente 60 gr. circa di nocciole.

In una terrina capiente, unire tutte e tre le farine insieme alle pere, alle  nocciole tritate e al sale.

Mescolare molto bene, aggiungendo poca acqua alla volta, fino ad ottenere una consistenza morbida, non troppo liquida.

Foderare uno stampo ø  con carta da forno leggermente unta con olio di oliva e cuocere per 30 minuti a 240° (forno a gas) e altri 15/20 minuti a 200° o regolarsi in base al proprio forno.

Far raffreddare e ricoprire con il cioccolato fondente sciolto a bagnomaria (ma si potrebbe gustare anche senza cioccolato) e decorare con granella di nocciole.

Si gusta al meglio dopo alcune ore dalla preparazione, ma soprattutto il giorno seguente, nonostante un leggero retrogusto un po’ asprigno, dato dai pistacchi, si suppone (per questo forse risulta più gustoso cibarsi dei frutti al naturale), che probabilmente può essere corretto dall’aggiunta di zucchero, ostinatamente lasciato fuori dalla porta in questa sede.

Sicuramente, una fettazza di questa “pseudo-torta” o torta alternativa rappresenta un’ottima fonte energetica, magari in previsione di un po’ di aerobica sulle musiche del Lago dei Cigni di Ciaikovskij…

 

 

Torta di prugne e cannella

Torta di prugne e cannella

Inseguendo le stagioni, anche se bizzarre, ecco il periodo delle prugne rosse da utilizzare per questa ricetta velocissima e semplicissima.

Ingredienti: 200 gr circa di prugne rosse (peso finale di 7 frutti, privati di nocciolo e buccia) – 150 gr di mandorle pelate, tritate fini –  100 gr di farina di farro bio – 2 mele golden –  cannella in polvere – mezzo cucchiaino di sale.

Pronta per il forno

Preparazione: Tagliare a fettine sottili le prugne, private della buccia. In una terrina capiente mischiare la farina di farro con le mandorle tritate, le mele grattugiate, il sale e un cucchiaino di cannella.  Lavorare l’impasto che risulterà molto morbido, ma non liquido (non è necessario aggiungere acqua).

Stenderlo in una teglia diam. 18 cm  foderata con carta da forno bagnata e strizzata. Ricoprire con le prugne. Infornare in forno già caldo e cuocere, regolandosi con il proprio forno (a gas, per 30 minuti a 240° e altri 15  minuti a 200°).

Far intiepidire e rimuovere delicatamente la carta da forno. L’abbinamento cannella-prugne è ottimo e, quindi,  una leggera spolverata di cannella darà il tocco finale.

La consistenza dell’impasto ricorda un po’ la pasta di mandorle, ovviamente meno dolce di quella tradizionale.

Si tratta comunque di un sapore delicato, ancora più raffinato se gustato alcune ore o il giorno dopo la preparazione.

 

Due parole sul cavolo viola

Questa verdura di stagione, facilmente reperibile nel periodo autunnale e invernale a un prezzo molto contenuto, è più spesso  conosciuto come cavolo rosso, ma sembrerebbe più indicato definirlo “viola” per il colore particolare dei suoi pigmenti.

E’ proprio la grande quantità di questi pigmenti o molecole, dette antocianine, a dare la colorazione decisa e particolare, ben identificabile anche in altre verdure, ad es. la cipolla rossa e in alcuni tipi di frutta, tra cui mirtilli, fragole e uva, ma anche nei fiori della malva e nelle petunie.  Tra le numerose virtù delle antocianine, spicca anche quella di migliorare la funzione visiva, oltre alla funzione antiossidante e anti-tumorale.

Torta salata di cavolo viola

Dall’elevata resa in cucina, il cavolo viola permette di preparare piatti dall’effetto scenico singolare, ma si sa, la famiglia dei cavoli non gode di grandissimo favore da parte della maggior parte dei palati.

Tuttavia, anche se andrebbe consumato crudo in insalata per trarre il maggior vantaggio dalle sue qualità, se cucinato può riservare delle sorprese, caso mai si volesse tentare…

Lessato e frullato, potrebbe essere servito come purè, oppure come sugo delicato per un primo piatto, una salsa per crostini o, ancora, come ingrediente per una torta salata fuori dal comune.

Ingredienti per 5 porzioni abbondanti:

1/4 di cavolo rosso – mezzo crauto bianco – 1 porro – 250 gr di ricotta – sale – pepe – 1 uovo – olio di oliva – 400 gr di farina di grano saraceno – 7  – 8 cucchiai di semi oleosi (di sesamo, girasole o di lino).

Preparazione: Scottare in acqua salata il cavolo e il crauto tagliati a listelli. Scolare bene e far saltare in padella, insieme al porro precedentemente fatto rosolare in poco olio di oliva. Quindi, fare intiepidire e passare al mixer o tritare con la mezzaluna.

In una terrina capiente, aggiungere la ricotta alla verdura e rimettere sul fuoco. Cuocere per qualche minuto fino ad ottenere una crema molto densa e aggiustare di sale e pepe.

Per la base, impastare in un recipiente piuttosto grande 400 gr di farina di grano saraceno, aggiungendo il sale, poco olio di oliva, l’uovo intero, i semi oleosi  e acqua tiepida poco alla volta. Dopo aver ottenuto un impasto lavorabile con le mani, stenderlo tra due fogli di carta da forno leggermente unti con olio di oliva.

Porre l’impasto steso in una teglia rotonda, insieme al foglio di carta da forno.

Cuocere per circa 45 minuti, regolandosi in base al proprio forno (per es. 30 minuti a 240° e altri 15 minuti a 200° nel forno a gas).

Togliere la base dal forno e riempirla con la crema di cavolo viola e crauto. Livellare e infornare nuovamente per altri 15 minuti.

Far intiepidire e tagliare a fette.

 

 

Semplicemente cioccolato…

Torta al cioccolato superfondente e pere

L’idea di partenza era quella della classica combinazione fondente e pere, ma con la cottura il sapore intenso del cioccolato ha avuto il sopravvento. Così, ne è risultata una torta solo e completamente al cioccolato.

Ingredienti: 

100 gr di cioccolato fondente 90% di ottima qualità

500 gr di pere

100 gr di farina di farro bio, macinata a pietra

un pizzico sale

acqua q.b.

Preparazione: 

Frullare le pere insieme al cioccolato, con poca acqua, fino ad ottenere una crema densa.

In una terrina grande, mischiare la farina di farro con la crema al cioccolato. Aggiungere un pizzico di sale e acqua q.b. Lavorare l’impasto molto bene e versare in uno stampo diam. 16 cm. rivestito con carta forno bagnata e ben strizzata.

Cuocere 30 minuti a 240° (forno a gas) e altri 15 min. a 200° , o regolarsi con il proprio forno.

Far raffreddare e gustare.

Probabilmente, la consistenza della polpa e la qualità delle pere determina la dolcezza o meno dell’impasto (qui sono state utilizzate 7 pere siciliane molto piccole, sode e non dolcissime, coltivate nella zona dell’Etna). In ogni caso, la crema (a crudo) ottenuta frullando le pere con il cioccolato è un’ottima mousse da gustare così com’è o da spalmare su pane integrale, o ancora per ricoprire o farcire altri tipi di dolci.

Decisamente dedicata a chi ama il sapore intenso del cioccolato fondente.

Simply chocolate…

The starting idea was a classic combination of pears with dark chocolate, but after baking, the intense flavor of the second ingredient was stronger than expected. So, it turned out to be just a chocolate cake with no more pears inside…

Ingredients: 

100 gr of 90% dark chocolate of excellent quality

500 gr of pears

100 gr of bio, stone ground spelt flour

A pinch of salt

Water as needed

Preparation: 

Blend  pears and chocolate together, adding a bit water until you get a dense cream.

In a large bowl, mix spelt flour with the blended chocolate cream. Add a pinch of salt and some water. Mix the dough very well and pour it into a 16 cm round mold, previously covered with wet, squezzed oven paper.

Cook 30 minutes at 240 ° (gas oven) and another 15 min. at 200 °, or set time and temperature according to your own oven.

Let it cool and taste.

Probably, the consistency of the pulp and the quality of the pears determines the sweetness of the dough. Seven Sicilian pears cultivated in the area of Etna have been used here. They were small, firm and not very sweet. Anyway, the raw cream obtained by blending the pears with chocolate is a great mousse to taste as it is or to spread on brown bread, or even to cover or stuff other types of sweets.

Definitely, it’s a recipe dedicated to those who love the intense flavor of dark chocolate.

Mousse fresca di albicocche e lavanda

Mousse di albicocche e lavanda

L’abbinamento albicocche e lavanda è, forse, uno dei più strani nel mondo dei sapori. In effetti, esistono diverse ricette che utilizzano questi due ingredienti insieme,  sia i fiori che l’olio essenziale di lavanda: confetture, torte, muffins ecc.

In questo caso, è stato utilizzato per creare una mousse freschissima e rinfrescante, da gustare al posto della frutta, come spuntino o quando più aggrada.

Ingredienti:

5 albicocche dolci

100 gr di ricotta fresca

olio essenziale di lavanda per uso alimentare

cacao amaro

Preparazione:

Frullare la ricotta insieme alla polpa dei frutti. Aggiungere 1 goccia di olio essenziale di lavanda. Mescolare bene. Riporre in frigorifero. Al momento di servire, spolverizzare con poco cacao amaro.

Fresh Apricot and Lavender Mousse

The pairing of apricots with lavender is perhaps one of the strangest in the world of flavors. In fact, there are several recipes that use these two ingredients together, both the flowers and the essential lavender oil: jams, cakes, muffins etc.
In this case, it has been used to create a fresh and refreshing mousse, to be tasted instead of fruit, as a snack or whenever one likes.
Ingredients:
5  sweet apricots
100 gr fresh Ricotta cheese
Lavender essential oil for food use
Bitter Cocoa
Preparation:
Blend the ricotta together with the fruit pulp. Add 1 drop of lavender essential oil. Stir well. Put it in the fridge and at the time of serving, sprinkle with little bitter cocoa.

Torta alle ciliegie e mandorle

Torta ciliegie e mandorle, senza zucchero

Scoperto per caso l’abbinamento vincente ciliegia-mandorla e sbirciando tra le ricette classiche è nata l’ispirazione per questa ricetta facilissima, dal risultato più che passabile.

Naturalmente si basa sul principio di utilizzare solo lo zucchero contenuto nella frutta e le ciliegie, quando sono dolci e belle mature, ne contengono abbastanza per rendere inutili altre aggiunte. Per lo meno può pensarla così chi ormai si è disintossicato da certi sapori stucchevoli che coprono quelli naturali e autentici.

Ingredienti: 400 gr di ciliegie (si intende il peso non snocciolato) dolci e mature, 200 gr di mandorle pelate, tritate fini, 100 gr di farina di farro, ½ cucchiaino di sale, acqua.

Preparazione: in una terrina mescolare la farina di farro e di mandorle,il sale e la metà delle ciliegie a pezzetti. Incorporare poca acqua (meno di 1 bicchiere) finché si ottiene un impasto abbastanza morbido, ma non troppo fluido.

Foderare una teglia ø 22  cm con carta da forno bagnata e strizzata. Versare l’impasto e livellare la superficie su cui verranno messe le restanti ciliegie, snocciolate e tagliate a metà. Cuocere per 1 ora circa a 200° o regolarsi in base al proprio forno.

Torta fresca menta e cioccolato

Torta menta e cioccolato

Torna il caldo e la voglia di qualcosa di fresco: una torta, perché no? Fatta in casa, naturalmente.

Ingredienti: 

100 gr farina di farro (qui è stata usata quella bio, macinata a pietra) – 100 gr  cocco grattugiato – 2 mele golden – olio essenziale di menta per uso alimentare – 250 gr ricotta – 50  gr cioccolato fondente di qualità (percentuale a piacere, quello utilizzato nella ricetta è 99%) – 2 cucchiai abbondanti di cacao amaro – sale – acqua.

Preparazione della crema: 

Frullare la ricotta insieme a una mela grattugiata e al cioccolato fondente a pezzetti. Aggiungere 4 gocce di olio essenziale di menta e mescolare bene. Porre in freezer per tre/quattro ore, girando di tanto in tanto per addensare la crema, considerando che non sono stati utilizzati addensanti di alcun tipo.

Preparazione della base: 

In una terrina mescolare la farina di farro con il cocco grattugiato, 1 mela grattugiata, il sale, incorporando l’acqua poca alla volta, fino ad ottenere un impasto cremoso, ma non liquido. Versarlo in una teglia diam. 16 cm rivestita con carta da forno bagnata e strizzata.

Cuocere per 30 min. a 240° e per altri 30 min, a 200°, finché risulta dorata o regolarsi in base al proprio forno.

Porre su un piatto e far raffreddare. Ricoprire con la crema al cioccolato e mettere nuovamente in freezer per circa un’ora. Quindi, decorare a piacere, se si vuole. Tagliare a fette e servire.

Si conserva in frigorifero, Il sapore è molto rinfrescante, ma non stucchevole; delicato, per via della farina di farro e, inoltre, grazie al cioccolato, al cacao e all’olio di menta (da dosare con cautela) che contiene, è molto energizzante.

Tonno, peperoni e grano saraceno

Tonno, peperoni e grano saraceno

Sarà la scoperta dell’acqua calda, ma l’abbinata tonno-peperoni è davvero gustosa. Dove finisce il salato inizia il dolce leggermente piccante  e viceversa. E’ un ottimo secondo con contorno incorporato e, volendo aggiungere anche il grano saraceno, può diventare un primo-secondo e contorno in un’unica portata. Un pranzo che sazia fino a sera, con un pseudo cereale dal bassissimo contenuto zuccherino: per 100 gr solo 0,52 gr di zuccheri.

Per una porzione abbondante o due porzioni discrete, utilizzare quanto segue:

2 peperoni medi – 125 gr di tonno (peso sgocciolato) – 100 gr di grano saraceno – mezza cipolla – 2 o 3 cucchiai di passata di pomodoro (preferibilmente fatta in casa) – sale – olio di oliva.

Grano saraceno: l’inconfondibile cereale-non-cereale dal chicco a forma di cuore tridimensionale

Preparazione

Lavare i peperoni, privarli dei semini e della parte chiara, tagliarli a listelli fini o a dadini. In un tegame ampio, far soffriggere la mezza cipolla tagliata fine e aggiungere i peperoni. Incorporando poca acqua alla volta, cuocere, aggiustando di sale e unendo la passata di pomodoro. Una volta ottenuta la cottura desiderata (più o meno morbida) unire il tonno e mescolare bene.

Nel frattempo far cuocere il grano saraceno in una pentola bassa con poca acqua e sale per circa 15 minuti. Scolare e incorporare ai peperoni e al tonno. Se i peperoni sembrano troppi, si possono ovviamente tenerne da parte un po’ per essere consumati in un secondo momento.

Lasciare insaporire il tutto, a fuoco basso, aggiungendo ancora un filo di olio d’oliva. Quindi servire e gustare.

Quadrotti alle noci e fondente

Quando anche a maggio piove… eccome se piove, la cucina diventa un angolo dove sperimentare al tepore del forno che va. Ecco cosa ne è uscito: una ricetta da apprezzare, criticare, arricchire o prendere così com’è.

Ingredienti: 

150 gr di noci tritate – 150 gr farina di grano saraceno – 125 gr di frutti di bosco (facoltativi, tanto scompaiono con la cottura) – 50 gr di cioccolato fondente (percentuale a piacere, qui in cerca di sapori estremi è stato utilizzata la versione 99%) – 2 uova – 2 o 3 mele – 1 cucchiaino di sale.

Preparazione:

In una terrina molto capiente unire la farina  con le noci tritate, il sale, 2 tuorli passati al mixer, le mele a pezzettini,  i frutti di bosco, il cioccolato sminuzzato. Ottenere un impasto cremoso aggiungendo acqua tiepida (circa 1 bicchiere).

Montare a neve gli albumi e incorporarli delicatamente agli altri ingredienti.

Versare l’impasto in una teglia rettangolare piuttosto grande (qui  ne è stata utilizzata una di cm. 35 x 27) foderata con carta da forno bagnata e strizzata.

Cuocere in forno già caldo a 240° per 30 minuti e poi per 15 minuti a 200° o regolarsi in base al proprio forno.

Fare intiepidire pochi minuti e rigirando la teglia su un vassoio rimuovere delicatamente la carta.

Ripetere l’operazione. Far raffreddare e gustare a fette o tagliare a quadrotti.

E’ una ricetta molto semplice, un po’ rustica, ma che si presta a innumerevoli varianti. Sicuramente molto nutriente e pratica da portare in giro, nel caso non si voglia ricorrere a un classico spuntino pre-confezionato.

Voci precedenti più vecchie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: