Milano – Il Castello di Porta Giovia, dai Visconti agli Sforza (6)

Castello Sforzesco

Mentre era in cantiere la costruzione del Duomo, un altro luogo iniziava ad acquisire quell’importanza che lo avrebbe poi legato indissolubilmente alla storia di Milano. E’ il Castello Sforzesco, oggi circondato da palazzi eleganti e da un grande traffico, ma ai tempi immerso nella campagna. Alle sue spalle di estendeva una grande area verde, costituita da giardini, campi e boschi, utilizzata come riserva di caccia che copriva parte dell’attuale Parco Sempione.

Poco meno di 1 km lo divide dal Duomo e la sua storia inizia quando Galeazzo Visconti lo fece  costruire nel 1358 per scopi puramente difensivi e militari, come costruzione fortificata chiamandola Castello di Porta Giòvia o Zòbia. Nei decenni in cui i Visconti governarono la città, il Castello fu oggetto di continue opere di fortificazione, ma non fu, insieme al Duomo, la sola ambizione architettonica dell’intraprendente casata.

Il Biscione, simbolo dei Visconti

Per salvare dal degrado la zona centrale di Milano, Giovanni Visconti fece costruire a partire dal 1339  il Palazzo dell’Arcivescovado sul lato destro di Piazza Duomo, su un’area molto più vasta di quella attuale che comprendeva altri due isolati retrostanti. Ancora oggi, sulla facciata che guarda verso il Duomo, si nota lo stemma dei Visconti costituito dall’inconfondibile Biscione, mentre alcuni disegni geometrici sulla parete meridionale e i finestroni sono sopravvissuti come elementi originari di quel periodo alle continue trasformazioni architettoniche dell’edificio.

Via delle Ore, la Rotonda del Pellegrini

Una delle successive modifiche si può ancora notare sul lato retrostante dell’Arcivescovado con le antiche scuderie situate nella Rotonda del Pellegrini, in Via delle Ore, rimasta conforme all’originale 500esco.  Infatti, si possono ancora distinguere i due piani, uno utilizzato per i cavalli e l’altro per i muli. Erano inoltre presenti un grande ambiente a volta per i fienili, il pozzo e la scala a chiocciola.

I Visconti, però,  non lasciarono alla fine alcun erede e fu il loro capitano, Francesco Sforza, a prendere in mano il potere ed avviare un altro periodo cruciale per Milano. Sotto di lui, si intensificarono le migliorie al Castello di Porta Giòvia  a cui Francesco Sforza volle aggiungere l’aspetto decorativo, abbellendolo con grandi finestroni in cotto, decorazioni e ampi spazi sotto la direzione dell’architetto Il Filarete, autore della grande torre sulla facciata principale, ricostruita poi da Luca Beltrami. Francesco Sforza  fece costruire una seconda cerchia di mura, la cosiddetta Ghirlanda, sul lato verso il parco.

Il cortile della Rocchetta

Una strada coperta portava dal cortile della Rocchetta  al recinto della Ghirlanda e verso la campagna. Una fila di piccole finestre con inferriate sul lato del parco, indicano oggi l’antico passaggio coperto.

Durante i lavori di riqualificazione del Castello, Francesco Sforza risiedeva ancora nell’antica dimora viscontea nei pressi del Duomo, circondato da uno stuolo di servitori e personale di corte. Con Galeazzo Maria Sforza, figlio di Francesco, la corte si trasferisce definitivamente al Castello. La corte ducale era situata nella parte del Castello che dà sul parco, protetta dalla struttura quadrata della Rocchetta. Nel 1476, a seguito dell’assassinio di Galeazzo Maria e per sfuggire all’assedio dei cognati, la moglie Bona di Savoia con il figlio Gian Galeazzo si rinchiuse nella Rocchetta e si fece costruire una torre massiccia in cui rifugiarsi.

Torre di Bona di Savoia

Perfettamente conservata e nota come la torre di Bona di Savoia, è tuttora visibile e situata nell’angolo della Rocchetta, verso il lato sinistro  della corte ducale. Scesa a patti con uno dei cognati, Ludovico il Moro, Bona di Savoia si trasferisce ad Abbiategrasso e il figlio Gian Galeazzo Sforza riconosce Ludovico il Moro come suo tutore che prende ufficialmente il potere nel 1494.

Così si dipana come una trama la storia di un castello che non manca di intrighi, fatti violenti, prosperità e decadimento, lussuose feste di corte, ma anche di leggende che parlano di  fantasmi aggirarsi ancora nei sotterranei e nel parco.          Continua …..

Il Castello Sforzesco dipinto da B. Bellotto nel ‘700

 

Annunci

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. V2 Cigs Reviews
    Feb 08, 2013 @ 13:49:49

    It’s a pity you don’t have a donate button! I’d definitely donate to this outstanding blog! I guess for now i’ll settle for bookmarking and
    adding your RSS feed to my Google account. I look forward to new updates and will
    share this website with my Facebook group. Talk soon!

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: